Giovedì 30 Ottobre 2014

Ultima modifica:09:41:36 GMT

RSS

Font Size

Screen

Profile

Layout

Direction

Menu Style

Cpanel
Tu sei qui: Attualità

Attualità

L’Associazione “20 luglio” apre le porte a circoli e insegnanti

  • PDF

HobbyHai un interesse di studio, una passione, un hobby? Vuoi aggregare persone o già fai parte di un circolo? Vuoi organizzare corsi per insegnare? L'Associazione “20 luglio” ti mette a disposizione la sua sede, situata nei pressi di Piazza Santa Restituta a Lacco Ameno, i suoi mezzi e la sua collaborazione.

Riaprono i Giardini La Mortella – Martedì 1 Aprile 2014

  • PDF

giardini-la-mortellaPuntuali, con l’inizio della primavera, vengono aperti al pubblico i Giardini La Mortella nell’isola d’Ischia , lo splendido giardino esotico creato da Susana Walton su progetto di Russell Page a partire dal 1958. Il giardino, incastonato sul promontorio di Zaro con una splendida vista sulla cittadina di Forio, grazie ad un inverno sotto tutti gli aspetti eccezionalmente mite si presenta agli appassionati in una straordinaria veste lussureggiante, un vero inno al ritorno della bella stagione. Mentre le fioriture tardo invernali delle magnolie orientali volgono al termine è già possibile godere la prima fioritura delle esotiche bromelie, che punteggiano il giardino a valle, perdersi nella fragranza del delicato gelsomino indiano Jasminum polyanthus o dei primi agrumi,  immergersi nell'atmosfera tropicale della serra delle orchidee o della Victoria House, dove è in fiore lo sbalorditivo Strongylodon macrobotrys. Ancora una volta questo esotico parente del glicine, chiamato la "liana di giada" regala il prezioso dono dei suoi grappoli di fiori turchesi lunghi fino ad un metro, simili a gioielli. Ad attendere i turisti ci saranno anche i glicini e le camelie in fiore, che offrono al giardino a Valle un'atmosfera incantata, mentre il giardino in collina si copre di blu con le snelle spighe di fiori degli Echium che sembrano rivaleggiare con il mare di Forio che fa capolino ad ogni scorcio. Nel settore orientale del Giardino, vicino alla Casa Tai, gli aceri giapponesi schiudono il delicato fogliame simile a trine, mentre il passare del tempo è punteggiato dal ritmico battere della fontanella di bambù.

Bullismo omofobo: affollato incontro con le scuole ischitane

  • PDF

giovaniPresentazione del libro Andrea - Oltre il pantalone rosa edito da Graus

Incontro affollato stamattina con gli studenti ischitani che al cinema delle Vittorie si sono incontrati per discutere discusso di bullismo e omofobia, prendendo spunto dal libro di Teresa Manes Andrea oltre il pantalone rosa. All’evento promosso dalla casa editrice Graus in collaborazione con la Confesercenti di Ischia sono intervenuti, il giornalista Umberto Lucio Amore, il sindaco di Forio Francesco Del Deo, il vicesindaco Gianni Matarese, l’assessore alla Cultura Luciano Castaldi, la preside della scuola media Santa Caterina da Siena, Marianna Astino, la pscicologa Marilena D’Ambra, e il presidente della Confesercenti Ischia Francesco Pezzella. L’ennesimo quello di stamattina di una serie di incontri, per fare punto e a capo anche rispetto ai nuovi, ulteriori, casi di cronaca, che continuano ad accendere incessantemente i riflettori sulla questione. E’ ancora una volta la madre di Andrea Spezzacatena, il 15enne romano che lo scorso anno si è tolto la vita, impiccandosi con una sciarpa a portare il proprio messaggio, direttamente a studenti, genitori ed operatori. “La vicenda di mio figlio spero possa essere di aiuto a tutti. A volte, come nel caso di Andrea, non si riesce ad interpretare certi segnali. In famiglia si deve parlare, e non che io non lo avessi fatto con mio figlio, con cui c’è sempre stato un rapporto meraviglioso. Ma il dialogo è importante. E questo è un invito rivolto sia ai genitori che ai figli. La vicenda di Andrea l’ho raccontata in un libro Andrea – Oltre il pantalone rosa, pubblicato con la casa editrice Graus di Napoli, perché “oltre” per me vuol dire tante cose. Significa andare oltre gli stereotipi, oltre l’immagine che altri hanno costruito di te, ed è quella che non riesci a scrollarti di dosso. E allora arrivano i casi come quello di Andrea, schiacciati dai pregiudizi, dalla cattiveria. Da altro. Andrea era un ragazzo che viveva la sua vita. Era innamorato di una ragazzina”. “Ma quel pantalone rosa “Le istituzioni, come la scuola, devono, come scrive anche Maria Rita Parsi nella prefazione, istituire dei presìdi, devono essere in grado anche di sostenere questi ragazzi in un’età difficile come quella dell’adolescenza. Sui muri della scuola erano apparse scritte infamanti su Andrea, subito cancellate, sul banco di Andrea. Ma la scuola non ci ha sostenuto mai”.

Dal 1 aprile i Giardini La Mortella si lasciano conquistare dalla primavera

  • PDF

Giardini la MortellaAl via anche la stagione musicale da camera. Primo concerto in calendario sabato 5 Aprile dedicato alle musiche di William Walton

Dal 1 Aprile i Giardini la Mortella - splendida tenuta affacciata sulla baia di Forio d’Ischia - riapriranno al pubblico ed accoglieranno i visitatori con fioriture che raramente è possibile osservare in Italia. Come lo Strongylodon macrobotrys ovvero la "liana di giada" uno strabiliante rampicante originario delle Filippine che proprio in primavera rivelerà il prezioso dono dei suoi grappoli di fiori turchesi, simili a gioielli. A dare spettacolo ci saranno anche le magnolie orientali, i glicini  e le camelie in fiore, che donano al giardino a Valle un'atmosfera incantata. Tra le particolarità della Mortella come non soffermarsi sulla Victoria Amazonica la ninfea gigante, coltivata nella scenografica vasca della Serra Tropicale “Victoria House”, dominata dalla “Bocca” una grande scultura realizzata da Simon Verity che riproduce la maschera presente nella scenografia di una delle opere musicali più note di William Walton: Façade.

Ad Aprile riprenderanno anche tutte le attività culturali e musicali che contraddistinguono la Mortella. Primo appuntamento il concerto dell’Ensemble of the Welsh College of Music and Drama in calendario per Sabato 5 e Domenica 6 Aprile – entrambi alle ore 17.00 nella Sala Recite - che proporrà un repertorio Voce e Pianoforte interamente dedicato alle musiche di William Walton.

Richiesta incontro sul tema dei tributi locali

  • PDF

UCCLI ISCHIALa UCCLI ISCHIA questa mattina ha indirizzato ai sei Comuni Isolani una lettera con la quale propone un incontro alle Amministrazione atto ad iniziare un lavoro di concertazione per la stesura dei regolamenti dei tributi locali. Il Direttivo ha poi deciso di istituire una Commissione che parteciperà ai tavoli tecnici con l’intento di dare un supporto pratico normativo ai lavori. Nella fase di avvio il coordinatore delle attività sarà il collega Rosario Silvitelli membro del Comitato Scientifico della Commissione Tributi locali dell’Odcec di Napoli.

Di seguito la lettera inviata alle Amministrazione:

Casamicciola e la teoria delle élites

  • PDF

vilfredo paretoVilfredo Pareto aveva 68 anni nel 1916 quando scrisse il “Trattato di sociologia generale” con “l’unico scopo di ricercare la realtà sperimentale per mezzo dell’applicazione alle scienze sociali dei metodi che hanno fatto le loro prove in fisica, in chimica, in astronomia, in biologia e in altre scienze simili”. Attraverso lo strumento sociologico vuole arrivare alla spiegazione di quelle manifestazioni del comportamento umano che l’analisi economica non riesce a penetrare. Elabora così una “teoria” che farà discutere per tutto un secolo ed ancora si discute: quelle delle “élites”.

I popoli – sostiene Pareto – sono sempre stati guidati da un’aristocrazia intendendo con questo termine come indicativo dei più forti, dei più energici, dei più capaci sia nel positivo che nel negativo. Queste “aristocrazie” salgono e scendono nella Storia vivente fino ad arrivare ai tempi di Pareto con la vittoria della borghesia sull’aristocrazia di origine feudale. Qualsiasi sistema è governato da pochi, dalle “élites” che prendono in mano il potere e governano i popoli. Quello che Pareto chiama “élite” sarà chiamata “classe dirigente” da altri politici, sociologi ed economisti ma l’analisi di Pareto alla società neocapitalistica si rileverà azzeccata.

Ogni organizzazione ha bisogno di una “classe dirigente”, di pochi che si fanno carico della direzione di un movimento. L’osservazione è applicata allo Stato, alle Industrie e perfino alle organizzazioni di lavoratori. Sono le “élites” che governano e che si fanno carico di guidare i popoli. Perfino il marxismo di Lenin è una conferma della teoria di Pareto che muore nel 1923, senatore del Regno d’Italia e convinto sostenitore del fascismo.

La teoria delle élites mi è venuta in mente esaminando la situazione politica, economica e sociale di Casamicciola, il Comune di circa 8 mila abitanti dove si voterà il prossimo 25 maggio appena due anni dopo le elezioni del 6 maggio 2012 ed appena 8 mesi dopo la caduta del sindaco Ferrandino Arnaldo. Conosco la storia del mio paese e cerco di inserirla nella storia dell’isola d’Ischia ed in quella italiana ed europea più vasta.

Il Contezioso Tributario: l’Accertamento Sintetico e Strumenti Deflattivi

  • PDF

redditometroVenerdì 28 Marzo 2014 si svolgerà ad Ischia presso la Biblioteca Antoniana un seminario, organizzato dall’Odcec di Napoli  - Commissione Contenzioso Tributario presieduta dal Dottor Pasquale Saggese e coordinata dai Consiglieri delegati Mario Michelino e Tina Vasaturo, in collaborazione con l’U.C.C.L.I. di Ischia sul tema “Il Contezioso Tributario: l’Accertamento Sintetico e Strumenti Deflattivi”. 

Con l’emanazione del DM 24.12.2012 (c.d. “nuovo redditometro”) e i chiarimenti forniti dall’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 24/E/2013 si completa la riforma dell’accertamento sintetico del reddito delle persone fisiche iniziata con il DL 78/2010 (conv. L. 122/2010) il cui obiettivo è adeguare l’istituto al mutato contesto economico e sociale.

Il tratto caratterizzante il nuovo accertamento sintetico è la valorizzazione delle spese sostenute dal contribuente come approssimazione del suo reddito; può trattarsi di spese:

  • effettivamente sostenute, nel caso di accertamento sintetico puro / spesometrico;
  • presunte sulla base della disponibilità di elementi indicatori di capacità contributiva, nel caso di accertamento fondato sul nuovo redditometro.

Credito alle imprese: Banche e Comuni per la ripresa

  • PDF

ischia-costa“Napoli è una città sempre più dipendente economicamente e politicamente”. Così inizia una analisi di Mariano D’Antonio apparsa nei giorni scorsi sulle pagine regionali de “La Repubblica”.

Sono stato allievo di Mariano D’Antonio, professore di economia politica nelle università di Napoli e Roma e uno dei più concreti meridionalisti viventi e ottimo pubblicista, alla facoltà di economia e commercio di Napoli negli anni ‘70 e da allora ho sempre seguito le sue analisi ed il suo percorso politico che lo ha visto assessore al Comune di Napoli ed alla Regione Campania in epoche diverse e con casacche politiche diverse ma sempre fermo nelle sue convinzioni keynesiane cioè per l’intervento pubblico in economia e per una economia programmata.

D’Antonio nel suo ultimo intervento sottolinea che “nell’economia napoletana ci sono segni visibili di dipendenza da centri di decisione esterni”. Il caso emblematico è quello del Banco di Napoli.

“Una volta avevamo la maggiore banca meridionale col quartiere generale a Napoli. Quella che una volta era la maggiore banca meridionale col quartiere generale a Napoli ha cessato di esistere venti anni fa come entità autonoma e adesso, essendo priva di un autentico radicamento nel territorio meridionale, è un’appendice passiva di una banca del Nord che ne detta gli indirizzi di gestione e ne nomina i dirigenti. La borghesia napoletana a sua volta vivacchia, priva com’è di personalità capaci di mobilitare le energie imprenditoriali in progetti audaci, di dare un segno e una strategia di marcia ai piccoli imprenditori che pure s’impegnano battagliando contro gli ostacoli locali (le grandi banche che centellinano il credito, un ‘economia sommersa che muove concorrenza sleale alle imprese regolari, una pubblica amministrazione vorace di sovrattasse locali sugli affari e neghittosa perché tira a campare). Il ceto politico dal canto suo si trastulla … nella rendita di posizione con smisurati compensi delle cariche elettive… i politici napoletani non conoscono la parola austerità” scrive D’Antonio che cita Edoardo Scarfoglio sempre attuale: “Napoli è una città coloniale priva del quartiere europeo”.

Sono affermazioni che mi hanno profondamente colpito perché l’analisi economica e politica della realtà napoletana è una obiettiva fotografia sulla quale c’è poco da aggiungere.

Ma se Napoli – la città di Napoli che è la capitale del Mezzogiorno – si trova in queste condizioni come si trova tutta la sua provincia con 91 Comuni che hanno oltre i due terzi della popolazione dell’intera Campania?

Più o meno la stessa situazione forse ancora più aggravata in certe realtà dell’hinterland.

Nella nostra isola d’Ischia che – non è mai abbastanza ricordarlo – è la prima località turistica della Campania dove è concentrato almeno il 30% dell’intera ricettività alberghiera ed extra-alberghiera della provincia di Napoli si avverte quotidianamente questa crisi della Politica e dell’Economia.

Chirurgia plastica: negli Stati Uniti spesi nel 2013 più di 12 miliardi di dollari, la cifra più alta dal 2008

  • PDF

Chirurgia-Plastica-Estetica«Anche in Italia il settore inizia a dare timidi segnali di crescita. Tecniche sempre più naturali e meno invasive tra i motivi che spingono un numero crescente di persone a investire in bellezza» afferma l'Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe)

Mai così bene dal 2008 a oggi. Negli Stati Uniti nel 2013 sono stati effettuati oltre 11 milioni di interventi di chirurgia e medicina estetica, per una spesa che supera i 12 miliardi di dollari, la cifra più rilevante dalla Grande Recessione del 2008. Di questi, 7 miliardi sono stati destinati a procedure chirurgiche e 5 miliardi a procedure non chirurgiche. È quanto emerge dai dati dell'American Society for Aesthetic Plastic Surgery (ASAPS) che ha presentato i risultati del sondaggio relativo all'anno da poco concluso. «Quello che arriva dal mercato americano è un segnale positivo e importante - afferma Pierfrancesco Cirillo, segretario dell'Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe), equivalente italiano dell'Asaps -. Nel 2011 e nel 2012 in Italia, secondo i dati raccolti da Aicpe tramite un sondaggio tra i chirurghi plastici italiano, abbiamo registrato un segno negativo per quanto riguarda gli interventi di chirurgia, mentre la medicina estetica è sempre risultata in crescita. Il 2013 è andato meglio dei due anni precedenti, anche se non ai livelli americani. Ad aumentare è soprattutto la medicina estetica, che ha costi più accessibili: la gente non rinuncia a curarsi e, pur di farlo, si orienta verso trattamenti meno costosi. Il settore però è maturo e, non appena la situazione economica generale sarà migliorata, crediamo che quello della chirurgia plastica sarà uno dei settori in più forte crescita».