Venerdì 11 Luglio 2014

Ultima modifica:08:58:55 GMT

RSS

Font Size

Screen

Profile

Layout

Direction

Menu Style

Cpanel
Tu sei qui: Attualità

Attualità

MSC Crociere apre la stagione crocieristica a Napoli

  • PDF

MSC1115019 Nave MSC SplendidaNel corso del 2014 la Compagnia movimenterà 156 mila passeggeri. Le navi toccheranno il porto partenopeo 39 volte, con un +18% rispetto al 2013.

Napoli, 12 marzo 2014 - Inizia con l’approdo odierno di MSC Splendida il 2014 di MSC Crociere al porto di Napoli, che quest’anno prevede un totale di 39 scali, +18% rispetto all’anno scorso.

La flotta del Comandante sorrentino Gianluigi Aponte ha iniziato così la programmazione ai piedi del Vesuvio, con il primo attracco dell’anno ad opera di una delle sue navi più belle che ha riversato a terra più di 4.000 crocieristi.

MSC Splendida, appartenente alla Classe ammiraglia Fantasia, partirà dal capoluogo campano ogni settimana fino a metà ottobre per viaggi di 8 giorni e 7 notti alla volta di alcune delle più belle località del Mediterraneo, tra Francia, Tunisia e Spagna. Previste tappe a Messina, poi a Tunisi, Barcellona e Marsiglia. Rientro in Italia con scalo a Genova prima di tornare a Napoli.

Nel corso dell’anno attraccheranno a Napoli anche MSC Fantasia, una delle altre ammiraglie della flotta, MSC Lirica e MSC Sinfonia che, insieme a MSC Splendida movimenteranno complessivamente di 156.000 crocieristi.

Coordinamento regionale pendolari della Campania

  • PDF

pendolareSabato 8 marzo u.s., si è riunito a Napoli, presso lo sportello di Assoutenti Napoli, il Coordinamento Regionale dei Pendolari della Campania per discutere delle prossime azioni in vista delle successive fasi del processo di regolarizzazione del tpl campano, che consisterà nella indizione delle gare per la riassegnazione dei servizi.

Alla riunione hanno preso parte i rappresentanti di Assoutenti Napoli: Antonio Di Gennaro, Nicola Curci e Salvatore Lauritano oltre a Giuseppe Rosato per la Sezione Mare, dell’Associazione Pendolari Sannio-Terra di Lavoro, Antonio Di Fabrizio, del Comitato Civico Trasporti Marittimi di Ischia, Iolanda Conte e del Comitato TPL Fortore, Antonella Bellonia.

Nel proseguire l’attività di confronto costruttivo con l’Assessorato regionale ai Trasporti e alla Viabilità della Campania e con l’ACAM, intrapresa fin dalla sua costituzione nel 2012, il Coordinamento chiederà alla Regione Campania l’impegno ad un maggiore coinvolgimento del mondo associativo nelle prossime fasi della riprogrammazione che vanno dal monitoraggio dei servizi, alla stesura delle carte dei servizi ed alle attività di verifica e controllo del rispetto dei contratti di servizio nell’ambito delle procedure previste.

All’Istituto “Telese” si degustano piccole grandi etichette

  • PDF

degustazione al telese 1E’ importante che la scuola diventi un ponte solido per introdurre i giovani nel mondo del lavoro, soprattutto se parliamo di un Istituto professionale come il “Telese” che da sempre forma coloro che in un futuro prossimo si inseriranno nel campo del turismo, che si tratti di ricevimento, gastronomia, beverage.

Oltre ad offrire stage e collaborazioni con manifestazioni e strutture ricettive a Ischia, l’Istituto spesso si trasforma in “teatro” naturale per ospitare eventi interni, come la degustazione di etichette distribuite da “Pellegrini”. Organizzato il desk d’accoglienza per registrare i presenti, la settimana scorsa hanno risposto all’invito circa sessanta addetti ai lavori tra imprenditori, ristoratori, sommelier per sorseggiare alcune etichette. Ricordiamo “Le Vigne di Alice”, “Morella”, “Cantine Di Sipio”, la “Fattoria di Petrognano”, un’apprezzata “Quintodecimo”, l’azienda del professore Luigi Moio tra i primi enologi d'Italia, “Bruno Rocca” e il pregiatissimo champagne “Jacquesson”.

L’appuntamento dalla vocazione commerciale, organizzato da Giovanni Balestrieri per arricchire e assortire le cantine sull’isola, si è svolto per la prima volta in un campo neutrale come quello dell’Istituto “Telese” che ha curato gli appetizer realizzati con i prodotti di “Hight Quality Food”, a base di Scottona di pezzata nera, Ostriche e Cuore di filetto di Baccalà riproposto sia con gli agrumi che in involtino con scarola.

Il profano ed il sacro o il Grande Orrore

  • PDF

il profano ed il sacroLe macerie del complesso monumentale del Pio Monte della Misericordia (secolo XIX) di Casamicciola sono diventate location fotografica. Abbiamo preso da Facebook questa foto di una modella sulle macerie dell'altare della cappella del complesso dove un tempo c'era la Madonna della Misericordia. Un segno dei tempi? Come dire una Grande Bellezza al tempo di Internet? Un segno dell'inevitabilità delle cose, una abitudine alla decadenza, un aspetto di costume entrato nella vita quotidiana? Una irreversibilità della decadenza?

Il Governo della disgregazione nazionale

  • PDF

carlo trigilia-ex“Se appoggiamo un governo non lo facciamo per l’interesse del governo, ma per prevenirne altri e più pericolosi” - Jean Jaurès (1859-1914) - Fondatore della SFIO - Direttore del quotidiano socialista “L’Humanité”

Viviamo tempi difficili. In Italia non solo viviamo la più drammatica crisi economica e finanziaria dall’istituzione della Repubblica ma viviamo anche la più seria crisi istituzionale del parlamentarismo repubblicano con due Camere con gli stessi poteri che non ci possiamo più permettere sia per efficienza democratica sia per il costo economico. Non è vero quello che dice il neopresidente del consiglio dei ministri, dottor Matteo Renzi, che sarà abolito il Senato. Il Senato rimarrà con tutta quanta la sua costosa impalcatura burocratica ed amministrativa soltanto che probabilmente non avrà più il potere di dare la fiducia al Governo. Come dire che la “Casta” mantiene i privilegi e lo Stato paga. Soltanto i poteri saranno ridotti. Non poteva non essere di questo tipo un accordo tra il PD e Forza Italia cioè tra il “novello Cesare” del maggior partito di centrosinistra ed il “vecchio Cesare” del maggior partito di centrodestra (scritti senza trattino e con un’ampia riserva di inventario!). Aveva ragione Amintore Fanfani, oltre trent’anni fa, quando si cominciò a discutere dell’abolizione del Senato: “Nessuna Camera voterà mai l’abolizione di se stessa” dichiarò Fanfani che era presidente del Senato. Così appaiono nella nebbia più assoluta ed intensa le riforme per la nuova legge elettorale, la quale probabilmente non prevederà la reintroduzione e delle preferenze, e per la Città Metropolitana che dovrà sostituire la Provincia. Anche in quest’ultimo caso probabilmente non si toccherà il personale politico ma si arriverà ad ridefinizioni di competenze tra Regione e Comune.

Come prima riforma istituzionale Renzi ha fatto la cosa più semplice e cioè ha ridotto il numero dei Ministeri che sono 16 rispetto ai 21 di Letta ma non credo che questa sia stata una buona riforma.

La scure del giovane Renzi ha cancellato il Ministero della Coesione Territoriale che era stato istituito dal Governo tecnico del prof. Mario Monti ed affidato ad un convinto meridionalista come Fabrizio Barca. Anche Letta aveva confermato il Ministero affidandolo al prof. Carlo Trigilia.

La Nuova I.U.C. e il passaggio da Tares a Tari

  • PDF

tasseVenerdì 07 Marzo 2014 si svolgerà ad Ischia presso la Biblioteca Antoniana un seminario, organizzato dall’Odcec di Napoli - Commissione Tributi Locali presieduta dal Dottor Pietro Mauro e coordinata dal Consigliere delegato Mario Michelino , in collaborazione con l’U.C.C.L.I. di Ischia sul tema “ La Nuova I.U.C. e il passaggio da Tares a Tari “ .

Dal 1° gennaio 2014 la legge di stabilità 147/13 ha introdotto un nuovo tributo, l’imposta unica comunale, (IUC) che si compone di tre tributi l’IMU, la TARI e la TASI. di cui gli ultimi due diretti rispettivamente alla copertura dei costi del servizio di raccolta e di smaltimento e dei servizi indivisibili.

Mai come questa volta i Comuni saranno tenuti ad approvare i relativi atti regolamentari e tariffari entro tempi utili per assicurare ai contribuenti di adempiere correttamente ai propri obblighi tributari.

La nuova imposta è infatti caratterizzata da una disciplina che necessita l'intervento di adeguamento da parte dei Comuni. Basti pensare alla circostanza che le agevolazioni e le esenzioni della TASI e della TARI sono introdotte con regolamento e che il Comune può stabilire le aliquote TASI fino al loro azzeramento.

È la Medmar da Pozzuoli che nega la corsa delle 15 per Casamicciola

  • PDF

medmarÈ la Medmar da Pozzuoli che, nonostante avesse una nave a motori accesi nel porto di pozzuoli (Agata), nega la corsa delle 15 per Casamicciola, (accade a Pozzuoli in data 4 marzo 2014 alle ore 15).

Da un incontro con il Circomare, dove ho depositato l'allegata denuncia, non sono riuscito a sapere del perché dell'annullamento della corsa (al botteghino un cartello diceva che la partenza avrebbe portato un ritardo di 60 minuti!); nè mi è sembrata convincente l'affermazione di qualcuno che mi invitava a pazientare dal momento che la nave delle 15 era in arrivo. A tale proposito, ho ribadito al Comandante perplesso che il mio "contratto" derivante dal titolo di viaggio in possesso era con la società e non con la nave e che oltretutto si trattava di una corsa obbligatoria che non può essere soppressa soprattutto  in presenza  nel porto di un'altra nave della stessa società.

Conclusioni il viaggio di rientro inizia alle 16.15 con la Emanuele d'Abundo che imbarca tutto e tutti a ridosso dell'Agata che parte vuota alle 16.30. 

Mario Lodi e la competenza emotiva

  • PDF

mario-lodiMario Lodi ci ha lasciato il 2 marzo, a 92 anni. Per tutta la sua vita ha voluto essere soprattutto il maestro di molti bambini e di molti insegnanti, cui ha insegnato con la pratica una scuola diversa, viva, creativa: pedagogia del gioco, attivismo, educazione ambientale, studio della Costituzione...

In tempi in cui la scuola italiana era ancor più rigida di adesso, Mario Lodi faceva scuola giocando con i bambini, scriveva favole con loro, li esortava a coltivare la propria creatività, a cooperare e a discutere ogni argomento. La sua idea dell’insegnamento è stata espressa in molti libri e in numerose conferenze, sempre con grande semplicità. Come racconta Tullio De Mauro nel suo ricordo di Lodi (su Repubblica del 3 marzo), lui preferiva raccontare le esperienze vissute con i bambini anziché citare riferimenti ai grandi pedagogisti di cui pur conosceva benissimo le opere.

Sosteneva sempre che la scuola non serve solo a trasmettere delle nozioni, ma a imparare insieme, a esercitare la propria creatività, a capire il mondo e a diventare amici.

Diventare amici: in queste due parole è condensata la più innovativa delle caratteristiche del suo lavoro. Oggi si fa un gran parlare delle competenze necessarie per essere buoni cittadini italiani ed europei, ed è di moda parlare della competenza psico-emotiva necessaria sia all’apprendimento, sia alla vita sociale e lavorativa, per l’ottimizzazione delle energie e la gestione dei conflitti... tanta teoria e poca pratica. La scuola italiana è sempre meno attrezzata per sviluppare questa competenza negli alunni e nei docenti. A questo Mario Lodi proponeva una soluzione semplice: non aspettarsi la soluzione dall’alto, ma lavorare insieme per cambiare le cose. In una sua lettera agli insegnanti del 2010 (per il testo completo clicca qui) si legge:

Lettera congiunta dell’associazione Amici del Teatro e della Compagnia Pane Amore e Fantasia

  • PDF

teatroIn virtù della delibera dell’Assemblea dei soci convocata il giorno 3 marzo 2014 in via straordinaria

SI COMUNICA CHE

l’Assemblea ha deciso all’unanimità di riammettere la Compagnia Pane Amore e Fantasia all'interno dell'Associazione Amici del Teatro.

La Compagnia Pane Amore e Fantasia a seguito del dibattito tra i vari soci, ha esposto formalmente il riconoscimento del proprio errore sull’accaduto del 7-8-9 febbraio scorso: per aver aggiunto un numero elevato di sedie e per aver emesso un numero di biglietti superiore a quello stabilito dal regolamento.