Giovedì 24 Aprile 2014

Ultima modifica:06:15:53 GMT

Font Size

Screen

Profile

Layout

Direction

Menu Style

Cpanel
Tu sei qui: Cultura Poesie e Racconti Un Racconto Fra Poesia, Degrado E Meraviglia

Un Racconto Fra Poesia, Degrado E Meraviglia

  • PDF
La luna di sopra

Venerdì prossimo l’editore Graus torna ad Ischia con il romanzo di Francesco D’Angelo, “La luna di sopra”.

Dopo la calorosa accoglienza che l’estate scorsa gli ha riservato il pubblico dell’isola verde, venerdì prossimo 20 gennaio, per “Approdi d’Autore”, nuovo incontro ad Ischia con romanzo "La luna di sopra", di Francesco D’Angelo, pubblicato nell’autunno 2011: l'evento, promosso da Graus editore  e "Associazione Culturale Ischia", si svolgerà alle ore 18.00 presso la Biblioteca Comunale Antoniana,  Rampe di Sant’Antonio 5.

Coordina il noto e apprezzato giornalista ischitano Gaetano Ferrandino.

Sarà presente l'Autore: “Sono lieto che uno dei  primi incontri del nuovo anno dedicati alla Luna di sopra si svolga nella magica isola d’Ischia – ha detto Francesco D’Angelo – Mi sento profondamente legato a quel territorio, nel quale rintraccio i segni millenari della mia terra d’origine, l’Egitto. E spero che anche stavolta il pubblico sia numeroso e partecipe”.

Tra i caratteri più originali del “poemetto in prosa”, come definisce “La luna di sopra” il Presidente del Premio Napoli, Silvio Perrella è la capacità dell’Autore di rappresentare in unicum poetico l’immaginario, il sogno e la realtà quotidiana di una metropoli-megalopoli qual è Napoli.

Non per niente l’insigne architetto Italo Ferraro ha definito Francesco D’Angelo “uno scrittore molto coraggioso, che nella Luna di sopra prende Napoli così com’è, degradata, la Napoli che tutti vorrebbero cambiare e scava, esplora, e trova l’incanto, la meraviglia. Una città ‘nuova’ – sostiene ancora Ferraro - dove poi le persone vivono e lavorano e fanno le stesse cose che fanno le persone di tutte le altre città del mondo. Ma è in quell’incanto, oltre il degrado, sotto strati e strati intatti nei secoli l’unicità di Napoli, il suo splendore”.