Giovedì 31 Luglio 2014

Ultima modifica:14:18:38 GMT

Font Size

Screen

Profile

Layout

Direction

Menu Style

Cpanel
Tu sei qui: Home Rubriche IschiaArtCard: buon inizio per un unico Polo Museale dell’Isola d’Ischia

IschiaArtCard: buon inizio per un unico Polo Museale dell’Isola d’Ischia

  • PDF
Serrara
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

E’stata presenta nei giardini meravigliosi di Villa Arbusto a Lacco Ameno  giovedì 26 maggio “Campania Artcard – Ischia” promossa dalla Regione Campania e gestita  dalla società regionale Scabec. Vi aderiscono imprenditori aderenti alla Federalberghi ed all’Ascom. Costa 28 euro. Ha una durata di 5 giorni.

Il turista potrà viaggiare sugli autobus dell’EAV e visitare tre siti culturali: a Lacco Ameno la Villa Arbusto con il museo di Pithecusae , quello dedicato ad Angelo Rizzoli e la sezione cetacei dell’isola oltre al magnifico parco; a Forio  i Giardini de La mortella che aperti al pubblico nel 1991 sono diventati famosi in tutta Europa non solo per la ricchezza vegetale ma  per la storia che contengono e cioè la vita e l’opera di William Walton, uno dei più grandi compositori inglesi contemporanei e di sua moglie Susanna.

I Giardini con il Teatro Greco, l’ultima grande realizzazione di Lady Walton, sono diventati anche un prestigioso centro culturale per tutti quelli che amano la musica e sono tantissimi; sempre a Forio  La Colombaia dove trascorreva le sue vacanze il grande regista Luchino Visconti con il suo anfiteatro che può contenere circa 500 persone.

I possessori della card potranno godere di particolari sconti e agevolazioni per visitare a Forio  i Giardino Rovino, il parco di piante succulente realizzato dal capitano Giuseppe D’Ambra,  nella Città d’Ischia  il Museo del Mare nel Borgo di Celsa, la Torre di Guevara a Cartaromana. Sconti anche per accedere ai parchi termali di Forio, Giardini Poseidon, di Casamicciola, Castiglione, di Lacco Ameno, Negombo,di Serrara-Fontana, Tropical e Aphrodite, di Barano, Fonte di Nitrodi.Previsti sconti anche negli esercizi commerciali che espongono il logo. Prevista anche la fruizione della “strada del vino”.

E’una buona iniziativa che concretizza un buon rapporto di collaborazione istituzionale tra Regione, Comuni, imprenditoria privata e centri culturali. Si può definire questa iniziativa come il primo avvio di un polo museale dell’isola d’Ischia che potrebbe compiutamente realizzarsi e valorizzare con una gestione unitaria da parte dei sei Comuni e con una forte Azienda di Promozione Turistica. Questa iniziativa si aggiunge alla nostra – quella di Ischianews & Eventi, la nostra rivista-guida che esce in italiano ed inglese da aprile fino a dicembre e tirata in 10 mila copie e del nostro giornale telematico www.ischianews.com che  vuole aprire un dibattito sui problemi di consolidamento dello sviluppo maturo dell’isola con un metodo contenutistico e senza timori referenziali.

La bella brochure di IschiaCard è in tre lingue: italiano, inglese e russo e questo è il segno di una totale globalizzazione dell’offerta turistica dell’isola d’Ischia che  non è più l’isola a due piazze – italiana e tedesca -  come è stata per almeno 30 anni. Il turista dell’isola d’Ischia è un viaggiatore internazionale che qui trova non solo un ambiente naturale unico al mondo con i suoi parchi termali che restituiscono salute e benessere ma anche siti culturali di enorme interesse che ne fanno un’ ”isola antica”, ricca di testimonianze storiche, di tradizioni millenarie legate soprattutto alla  presenza del Cristianesimo fin dal III secolo dopo Cristo con 75 chiese sparse ovunque  Le Chiese costituiscono non solo un patrimonio sacro ma antropologico ed artistico che, anche da questo punto di vista, fanno di Ischia veramente una località unica al mondo. La ricettività alberghiera ed il sistema commerciale sono di ottimo livello e con prezzi diversificati.

Credo che comunque abbiamo intrapreso il cammino senza ritorno verso un turismo di qualità capace di competere sui mercati internazionali dei viaggi Se crescerà il concerto istituzionale con un ruolo più attivo dei Comuni o meglio di un unico Comune con la Regione un polo museale unitario potrà valorizzare anche altri siti ed altri  centri culturali esclusi da questa prima edizione in modo da realizzare una completa coesione economica e culturale dell’isola.

Chi ben comincia è già alla metà dell’opera.

Casamicciola, 30 maggio 11

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.