Domenica 23 Novembre 2014

Ultima modifica:14:36:32 GMT

Font Size

Screen

Profile

Layout

Direction

Menu Style

Cpanel
Tu sei qui: Intrattenimento By Night Un attimo... di Gaber

Un attimo... di Gaber

  • PDF
loc-gaber

Un attimo di… Gaber”, un attimo di poesia. La sua musica, le sue parole in un appuntamento interamente dedicato alle canzoni più popolari del repertorio del cantautore milanese, amato da generazioni.

Di quel teatro canzone in cui “Il Signor G” ha profuso l’impegno civile più congeniale e divertente, facendo conoscere tutta l’ironia e la malinconia sul destino dell’uomo, smarrito tra contraddizioni, utopie e paure, solo, di fronte al paradosso della normalità.

Antonio Del Gaudio cantautore e pianista e Valerio Sgarra cantattore residente sull'isola verde riporranno alcuni brani del suo repertorio, che alterneranno ad alcune composizioni originali di chiara e schietta ispirazione gaberiana, domenica sera 2 ottobre, all’enoteca ristorante attimo diVino sulla Rive Droite.

Del Gaudio con il suo spettacolo “Modestamente… io muoio” nel 2008 ha vinto il Premio Gaber nel corso della manifestazione che la Fondazione tradizionalmente organizza con la partecipazione di numerosi ospiti del panorama musicale e non, sulla scia della canzone e della prosa di maggior spessore ed impegno di Gaber. Il fil rouge è il medesimo anche per la prima opera letteraria di Del Gaudio, nelle librerie a maggio di quest’anno, “Tutta l’orchestra minuto per minuto” per la casa editrice Boopen di Napoli. Dove racconta una serie di situazioni paradossali in cui i musicisti sono sostenuti da un governo che valorizza la cultura, mentre i calciatori, sono sopravvivono esibendosi ai matrimoni e alle serate finali dei convegni.

Si preannuncia una serata d’altri tempi, resa speciale anche grazie alle preparazioni enogastronomiche dello chef Raimondo Triolo che si ispirerà al cantautore milanese per conquistare anche il nostro palato. Si spengono i riflettori, si accendono in tavola per poi rispegnersi e regalare una particolare atmosfera.
E come diceva Gaber “Libertà è partecipazione”.