Sabato 31 Gennaio 2015

Ultima modifica:08:11:18 GMT

RSS

Font Size

Screen

Profile

Layout

Direction

Menu Style

Cpanel
Tu sei qui: Usi e Costumi

Usi e Costumi

Giornate del gusto ischitano al Villa Sirena

  • PDF

Paccheri di Gragnano con sughetto al coniglio ischitanoArchiviata con pieno successo di pubblico e di critica la prima edizione della Rassegna di cucina ischitana della tradizione presso lo storico Hotel Villa Sirena di Casamicciola Terme. L’atteso evento dedicato alla riscoperta e alla rielaborazione di ricette di antica memoria si è proposto come test market per l’organizzazione di futuri incontri gastronomici con gli obiettivi di salvaguardare e  diffondere il sapere culinario dell’Isola Verde oltre a gratificare giovani chef talentuosi alle prese con i sapori tipici e aromi selvatici del territorio isolano, non reperibili altrove. Grande consenso per i corsi gratuiti di cucina con numero predeterminato di partecipanti, per la maggior parte vacanzieri, tenuti dal giovane chef Salvatore Iacono, detto Ghigo, tramite l’interpretazione e degustazione delle ricette più tipiche: dal “Coniglio di fosso all’ischitana” cotto nel tiano di creta e proposto con patate fritte e caponata di melanzane accompagnato dagli immancabili bucatini conditi con lo stesso sugo di cottura, dalla “Paranza” di pescato del Golfo gettato a friggere in padella alla “Spigola all’Acqua Pazza” per concludere con le bruschette estive di pane cafone cotto nel forno a legna e con i dolci di chiara tradizione partenopea.

L’Angelo della Torre

  • PDF

chiesa-santangelo"Scendendo verso la marina, ecco apparire S. Angelo, chiuso nella sua pace. Sfuggito all'amplesso dell'Isola, primo fra tutto, spicca l'isolotto omonimo con le sue ripide scoscese sopra gli scogli dirupati e dilavati dalle onde, accessibile soltanto da Nord-Est a mezzo d'una lingua di sabbia lunga metri 119,50 e larga metri 30 che lo salda all'Isola. E' una roccia di origine vulcanica alta 105 metri. Un ciclopico altare verso il cielo, un altare dai mistici e storici fastigi dove s'instaurò il culto dell'Arcangelo Michele, l'Angelo protettore che ha dato nome al villaggio".

Don Pietro Monti (1915 – 2008), il prete-archeologo che scoprì, negli anni '50 del '900, che il pavimento della sua chiesa, il Santuario di Santa Restituta a Lacco Ameno, conteneva un tesoro di memorie antiche, così descrive S. Angelo nella sua opera poderosa sulla Storia e l'Archeologia dell'isola d'Ischia.

Antipasto alla Cocò

  • PDF

antipasto_mare_cocÈ il mare a decidere come comporre un perfetto e leggero antipasto. Lo sa bene lo chef Antonio, che al polipo grigliato e marinato in salsa di limone abbina tonno alle erbette (rigorosamente di produzione propria), salmone marinato con sale, zucchero ed agrumi, e delle semplici alici “olio e limone”. Il piatto viene servito a tavola con delle verdurine fresche, come zucchine e carote, ed una salsa all’arancia. Sfizioso infine il gamberetto marinato all’aceto di lamponi che, poggiato su una piccola bruschetta di pomodoro, suggella il piatto. Vino: Bianco “Frassitelli” dell’Epomeo.

El Chico

  • PDF

RondinellaFinalmente ho assaggiato il piatto dell’estate che tanto mi consigliava la signora Anna. Adesso non posso che darle ragione. Hanno un gusto fresco e leggero questi vermicelli, conditi con cozze e scorzette di limone, a cui da un tono di sapidità la caciotta a scaglie, aggiunta alla fine per evitare che si sciolga. La mia porzione è abbondante, ma non mi sento affatto appesantita.

Timballo “alla Chiarito”

  • PDF

Punta ChiaritoIn corrispondenza del promontorio che affaccia da un lato sulla Baia di Sorgeto, dall’altro su quella di S. Angelo, a soli 800mt dal centro di Panza troviamo il ristorante ”Punta Chiarito”. Aperto da aprile ad ottobre sia a pranzo che a cena (in quest’ultimo caso solo su prenotazione), il locale si consiglia per un primo ed indimenticabile incontro con i sapori caratteristici della tradizione enogastronomica isolana, vera protagonista con i suoi piatti semplici e gustosissimi, ingredienti rigorosamente freschi ed autoprodotti. Eccezionali le specialità di mare, come il risotto alla pescatora.

Santa Maria al Monte

  • PDF

Santa Maria al MonteLa festa di Santa Maria al Monte celebrata il 12 settembre è sempre una scoperta, anche per un’ischitana come me. La Chiesa che sorge a 500 metri d’altitudine, immersa nel verde, è stata ristrutturata nel ’57 grazie a nonna Carmela Picarelli. E’ proprio lei ad aver rappresentato l’anima della festa per molti anni insieme ad altri abitanti del luogo, devoti alla Madonna, come Luigi Luongo detto il bijoux della montagna. La messa viene celebrata dal parrocco di Monterone e la processione, momento tra i più corali e scenici della festa, parte dalla Chiesa, attraversa il cortile arrivando fino a Punta Callotta. La statua viene portata in spalla da alcuni fedeli, accompagnata da canti e da una fiaccolata. Il ritorno alla Chiesa avviene attraversando l’interno della casa che oggi è del nipote di nonna Carmela, Michele Calise.

Partecipano da sempre anche le proprietà limitrofe che accolgono turisti ed ischitani.

Giovan Giuseppe, il frate Santo e la sua chiesa

  • PDF

San Giovan GiuseppeFra le 74 chiese dell’isola d’Ischia – la gran parte costruite nel XVII e nel XVIII secolo – quella dello Spirito Santo ad Ischia Ponte, come oggi si chiama il Borgo di Celsa, è quella più ricca di Storia. Di quella Storia insegnata da Fernand Braudel “degli uomini nei loro rapporti stretti con la terra che li ha partoriti e che li nutrisce” e la Chiesa dello Spirito Santo , costruita interamente nel XVII secolo dai marinai, dimostra come il dialogo degli uomini con la terra dei padri “non cessa di ripetersi, che si ripete per durare, che può cambiare e cambia in superficie ma continua tenace come se fosse fuori dalla portata e dalla misura del tempo”. Entrando in questo tempio ripenso ai sacrifici economici dei marinai – padroni di barche, pescatori, navigatori – per costruire la loro chiesa ed il mio ricordo va a Mons. Pasquale Polito (1907-1994) che mi raccontò la “vita infame” di quei marinai “che avevano una grande fede e portavano nell’isola anche le devozioni che apprendevano nei loro viaggi. Così si spiega la devozione per Santa Maria di Costantinopoli. La chiesa era per questi uomini una “persona in più” della loro famiglia alla quale bisognava provvedere”. Ieri come oggi.

Coniglio alla cacciatora

  • PDF

BracconiereSe desiderate spingervi fino alla vetta più alta di Ischia, parliamo del Monte Epomeo, godendo di un panorama incredibile mentre gustate specialità di terra, allora dovete sostare a Il Bracconiere. Carmela, Franca, Michele e Leonardo vi daranno il benvenuto in un ambiente rustico, ma accogliente. Troverete in bella mostra strumenti di ogni sorta, come bilance per pesare la polvere da sparo e ciò che serviva a sigillare le cartucce, attrezzi rubati alla campagna e alle cantine, collezionati nel corso degli anni.

Nel 1974 papà Leonardo e suo figlio Salvatore decisero di cominciare quest’avventura aprendo le porte de Il Bracconiere ai cacciatori che frequentavano quella zona, da allora il ristorante si è evoluto restando però fedele alla filosofia di sempre. Coniglio alla Cacciatora.Chi desidera conoscere i sapori veraci e tradizionali dell’isola verde, non può non ordinare il Coniglio alla cacciatora.

Mangiar bene

  • PDF

Scampi al limoneScampi al limone

In ogni arte la semplicità è essenziale” recitava Schopenhauer. Immagino che si riferisse anche alla gastronomia, visto che questo è il motto dello chef Piero, conosciuto in cucina, tra una padellata e l’altra, impegnato com’è a organizzare, decorare, impiattare. Questa mattina, proverò un primo estivo, gli Scampi al limone.

Disposti l’uno di fronte all’altro, gli scampi sembrano quasi in posa per lo scatto. A solleticare il mio appetito è un’emulsione molto leggera e profumata di limoni, rigorosamente d’Ischia, come tiene a sottolineare lo chef. Uno degli ingredienti chiave della ricetta, con l’olio extravergine, preferibilmente toscano, e il pesce.

Ultimi Commenti