Giovedì 24 Aprile 2014

Ultima modifica:06:15:53 GMT

RSS

Font Size

Screen

Profile

Layout

Direction

Menu Style

Cpanel
Tu sei qui: Usi e Costumi

Usi e Costumi

Wine Day: una giornata dedicata al mondo dell’enologia a Villa Egea

  • PDF

Domenica 28 ottobre, dalle ore 10 alle ore 22, nelle incantevoli sale di Villa Egea (via Vicinale Santa, Massa di Somma) si terrà il Wine Day, una giornata dedicata ai vini di rinomati produttori, a famosi chef , ad esperti sommelier e a tutti i “wine lovers”. Insomma, il Wine Day, evento organizzato dall’Associazione Hobbisti Millemani, è una vera e propria festa dell’uva.

I professionisti del vino che metteranno in mostra i loro nettari nella sala “Giardino d’inverno” di Villa Egea sono: Antiche Vigne Pompeiane, Cantine Duca Farese, Cantine Fontanarosa, I Colli del Sannio, Montecappone, La Masserie, Vini Villa Regina. Dunque saranno proposti in esposizione non solo vini campani, ma anche vini siciliani e marchigiani; tra questi ultimi il famoso verdicchio: ”un vino di grande pregio, struttura ed eleganza, tra i più premiati nei concorsi enologici internazionali”, spiega Paolo Grassini, delegato AIS Marche (Jesi & Castelli). L’associazione MARVIN allestirà uno spazio ove sarà possibile degustare i pregiati vini flegrei. Spazio anche alla sangria: l’azienda “Sangria Italia” farà degustare agli avventori la bevanda da cui prende il nome, prodotta esclusivamente con ingredienti di primissima qualità, ovvero il vino e gli agrumi delle floride campagne catalane. Il caseificio “I Sapori di Agerola e Sorrento” proporrà l’abbinamento dei suoi formaggi ai vini campani. La cake designer Antonella Stornaiuolo delizierà gli occhi e il palato dei visitatori con dei dolci decorati in stile autunnale. Altra novità dell’evento sarà l’incontro tra l’arte e il vino: il pittore Domenico Sepe ed altri artisti appartenenti al suo salotto culturale (Giusi Boemio, Loredana D'Errico, Antonio Salzano, Giovanni Pirozzi) mostreranno in estemporanea come la pittura ed il prezioso nettare possono essere utilizzati ai fini della creazione di un’opera d’arte.

Rossano Calabro, 12 ottobre. Radici del Sud con Gaglioppo e Magliocco

  • PDF

Vino e terroir, identità e salvaguardia delle tipicità, promozione delle produzioni di qualità e sinergie tra i diversi soggetti interessati dal mondo della viticoltura. Dal produttore al consumatore.

L’evento internazionale RADICI del SUD, sbarca in Calabria. A Rossano, il prossimo VENERDÌ 12 OTTOBRE, alle ORE 17, presso l’Auditorium Alessandro AMARELLI, protagonista il vino calabrese. Approfondimenti e degustazioni con il giornalista Luciano PIGNATARO e Piero SARDO, Presidente della Fondazione Internazionale per la Biodiversità di Slow Food e Nicola CAMPANILE, ideatore dell’evento.

“Il Magliocco, il Gaglioppo. Identità, tradizione e futuro”. Si parte da qui, dall’approfondimento sui vitigni autoctoni locali per ragionare sulle potenzialità che una risorsa tutta calabrese può rappresentare per i produttori, per i territori e per le istituzioni e sulle prospettive di sviluppo del settore calabrese che negli ultimi anni ha dimostrato grande dinamismo. Focus e non solo.

La tappa rossanese di ASPETTANDO RADICI del Sud promossa da Giovanni GAGLIARDI di vinocalabrese.it, referente per la Calabria di radici e dalla Lenin MONTESANTO Comunicazione & Lobbying, sponsorizzato dalla AUTOMARINE, ECOROSS, LA PIETRA Costruzioni, COMUNICAZIONI EUROPA, SIMET, AMARELLI, BIOSMURRA e TENDENZA SHOES, ospitata, non a caso, dalla storica fabbrica di Liquirizia AMARELLI, prevede anche la degustazione dei vini di importanti produttori calabresi, piccoli e grandi, emergenti ed affermati.

Spostamento festa S. Michele a S. Angelo

  • PDF

Sabato 6 ottobre 2012 la serata conclusiva della festa di S. Michele Arcangelo – a Sant’Angelo d’ischia – alle 22.00 il concerto spettacolo di Gaetano Maschio  & co.

La giornata clou dei festeggiamenti in onore di San Michele Arcangelo a Sant’Angelo d’Ischia, a causa delle avverse condizioni meteo, è stato spostata a sabato 6 ottobre 2012. Alle 22.00 dopo la processione via mare e la Messa solenne,  nella Piazza principale partirà lo spettacolo di Gaetano Maschio e Filomena Piro “Vi raccontiamo la nostra Italia”.

Una giornata dedicata al mondo dell'enologia

  • PDF

Domenica 28 ottobre, dalle 10.00 alle 22.00, nello scenario mozzafiato di Villa Egea (via Vicinale Santa - Massa di Somma), si aprirà il sipario sul Wine Day, un giorno intero dedicato all’uva e al vino. L’evento, ideato e organizzato dall’Associazione Culturale Hobbisti Millemani, avrà come protagonisti i migliori produttori di vino, sommelier e chef pluripremiati, che intratterranno i visitatori con degustazioni e “appetitosi” cooking show. Non solo vetrina e wine show: alle ore 18 entreranno in scena Gianni Avolio e Michele Tamburrino autori del libro "Bar Gourmet" edito da  Malvarosa Edizioni, un volume che propone un vasto spettro di abbinamenti studiati e testati tra drink e finger food. Altra novità dell’evento sarà l’incontro tra l’arte e il vino: il pittore Domenico Sepe ed altri artisti appartenenti al suo salotto culturale mostreranno in estemporanea come la pittura ed il prezioso nettare possono essere utilizzati ai fini della creazione di un’opera d’arte.

Domenica 7 ottobre 2012 si svolgerà a S. Angelo la tradizionale festa del mare e sagra della lampuga

  • PDF

L’evento, organizzato dall’Associazione pro-loco “Amici di S.Angelo”, anche quest’anno ci vede impegnati nel coordinamento delle operazioni di pulizia del tratto di costa antistante la spiaggetta e le cosiddette “Parate”, il meraviglioso scenario scelto come meta per le attività di escursioni guidate e corsi di snorkeling con biologia marina.
Confidando nel successo delle passate edizioni, invitiamo tutti, subacquei e non, a prendere parte a questa giornata di ringraziamento della nostra risorsa più preziosa che va impiegata con intelligenza, rispetto e secondo il principio dell’ecosostenibilità.
Le operazioni di pulizia saranno svolte da tre gruppi di volontari: il gruppo di terra che rimuoverà rifiuti dalle “Parate”, il gruppo snorkeling che si occuperà dei primi metri di fondale con maschera e boccaglio ed il gruppo diving che opererà a profondità maggiori. L’associazione fornirà tutte le attrezzature, il supporto logistico e gli equipaggiamenti tecnici necessari al corretto svolgimento delle operazioni.

Giardino Eden

  • PDF

Giardini EdenIl Castello Aragonese, Procida, Vivara, il Vesuvio, la Penisola Sorrentina, Capri e poi ancora Ischia con la collina di Campagnano: l’occhio scorre lento, rapito dalla bellezza di ciò che vede, poi si ferma, ammira le rocce di fuoco lì davanti che movimentano lo straordinario panorama, valorizzandone la profondità. Poi si chiude, rapito dal profumo del mare; e quando si riapre ecco arrivare dal mare una barchina che sembra condotta da un Caronte ingobbito che però conduce all’Eden. Da aprile a ottobre tutte le sere, tra le luci del tramonto, si ripete sempre la stessa scena, nel fruscio del mare che accarezza gli scogli e rompe sulle passerelle di questo posto magico. Il Giardino Eden a Cartaromana è questo: bellezza visiva e tranquillità interiore. Un angolo di paradiso incastonato tra le rocce millenarie del lato sud orientale dell’isola d’Ischia che nel corso degli anni ha saputo trasformarsi, migliorarsi arrivando oggi ad offrire ai suoi ospiti servizi di grande qualità nei campi della ristorazione, del termalismo e della ricettività. Perché al Giardino Eden ci si può deliziare il palato con gli straordinari piatti a base di pesce fresco serviti nel ristorante affacciato sul mare; ci si può rilassare nelle quattro vasche di acqua minerale presenti nel rigoglioso giardino tropicale, scegliendo a che temperatura immergersi e facendosi coccolare dagli idromassaggi e dai getti d’acqua; infine, si può pernottare nelle sette camere della struttura, tutte con vista panoramica, avendo la fortuna di risvegliarsi ammirando il meglio del golfo di Napoli. Sono ormai dieci anni che Ciro Calise e sua moglie Anna Olmo si occupano di questo posto magnifico dividendosi i compiti. Lo chef-patron Ciro si occupa del ristorante scegliendo di persona il pescato migliore della zona e interessandosi del menù da proporre ogni giorno sia a pranzo che a cena.

El Chico alla Rondinella da Anna

  • PDF

el-chicoMi infilo in cucina dove si lavora a pieno ritmo per ringraziare lo chef del piatto che ho appena assaggiato.

Sandy non è ischitano, ma è originario di un paese altrettanto ospitale e assolato Santo Domingo, dove ha frequentato la scuola alberghiera, lavorando per molti anni nelle cucine dei villaggi turistici. Da quando vive a Ischia è ai fornelli della cucina di questo ristorante. Anche se la gastronomia è legata al territorio, non dimentica la sua terra e quando può aggiunge dello zafferano che è molto apprezzato dalle sue parti. Famoso è El Chico, vermicelli con cozze e scorzette di limone, a cui da un tono di sapidità la caciotta a scaglie e un ingrediente segreto che non svela. Ma le novità per quest’estate devono ancora cominciare. Infatti, sta sperimentando nuovi piatti che proporrà insieme ai cavalli di battaglia come le orecchiette broccoli e gamberetti e poi la pezzogna, il trancio di ricciola, la spigola al cartoccio, il rombo al forno.

Pe' terre assaje luntane

  • PDF

La nave si allontana dalla banchina mentre la gente, talvolta immobile e talvolta no, osserva la scena. Che siano i viaggiatori stessi o semplici spettatori della partenza, ha poca importanza: la distanza che si apre tra l’imbarcazione e la terra che prima li ospitava si fa sempre più grande, immensa, non cicatrizzabile. Si abbandonano le vecchie esistenze per abbracciare una nuova vita. Cosa ci sia al di là del mare sconfinato, che tutto sembra accogliere con un sinistro sorriso, è qualcosa di eccitante o spaventoso da immaginare. Una terra che segnerà per sempre il distacco dal vecchio mondo, ma non dalle proprie radici. Una grande occasione per indirizzare le vite di milioni di persone verso traiettorie imprevedibili.

E’ la grande emigrazione, uno degli avvenimenti più toccanti della storia italiana. Quando milioni di connazionali all’inizio del Novecento si spinsero, pieni di timore e speranza, verso le sponde del continente americano. Un fenomeno che ha segnato un’intera generazione di italiani, pronti al sacrificio di lasciarsi tutto alle spalle (comprese le miserie di una vita durissima), per tentare di abbracciare, dopo un viaggio lungo e spesso massacrante sulle acque dell’oceano, il sogno di un mondo nuovo: quello che iniziava con lo sbarco a Ellis Island, dove avveniva la prima delle violente collisioni tra l’ingenua speranza degli immigrati e la rigida normativa delle istituzioni statunitensi.

Dal 15 al 16 settembre 2012 si terrà ad Ischia, nella cornice suggestiva della Torre del Molino (ex Carcere Mandamentale), la nona edizione della mostra documentaria "Pe’ terre assaje luntane", a cura dell'Associazione Ischitani nel Mondo con la supervisione artistica di Salvatore Ronga. Un percorso storico per raccontare l’emigrazione verso le Americhe, con particolare rilievo al fenomeno ischitano. Foto d’epoca, poster, giornali, pubblicità, documenti e oggetti vari. E ancora forum, spettacoli teatrali e proiezioni cinematografiche: una vera e propria festa che in questi nove anni ha coinvolto il visitatore, fornendo molteplici spunti di riflessione spesso trascurati.

Si conclude Vesuvinum 2012 Ecco i vincitori della quinta edizione del Premio Amodio Pesce

  • PDF

Si è svolta ieri al Palazzo Mediceo di Ottaviano la cerimonia di premiazione dei vincitori della quinta edizione del Premio Amodio Pesce nel giorno di chiusura dell'edizione 2012 della manifestazione Vesuvinum – I Giorni del Lacryma Christi.

Il premio, dedicato alla memoria di Amodio Pesce, l'enologo fondatore della Strada del Vino del Vesuvio e "Papà" del Lacryma Christi, è stata assegnata ai seguenti 4 vini:

Lacryma Christi Bianco DOC 2011 Fioravante Romano

Lacryma Christi Rosso DOC 2011 Cantina del Vesuvio

Lacryma Christi Rosato DOC 2011 I Nobili del Vesuvio

Coda di Volpe IGT 2011 Pompeiano Sannino

I vini vincitori, selezionati tra 61 campioni degustati alla cieca di Lacryma Christi del Vesuvio DOC di 35 aziende di cui 22 bianchi, 21 rossi, 10 rosati e 8 Coda di Volpe, sono stati degustati e apprezzati dal folto pubblico presente durante la premiazione.

Presenti in sala la moglie di Amodio Pesce e il figlio Antonio, produttori, giornalisti, rappresentanti delle istituzioni e appassionati.