Lunedì 28 Luglio 2014

Ultima modifica:14:18:38 GMT

RSS

Font Size

Screen

Profile

Layout

Direction

Menu Style

Cpanel
Tu sei qui: Usi e Costumi Animali e Natura

Animali e Natura

Ischia & Giglio Storie Parallele - parte II

  • PDF

2. Il viaggio

giglio-terraferma-1

Non esistono collegamenti marittimi pubblici da Ischia al Giglio. Per questa ragione bisogna viaggiare in parte via terra, p. es. da Napoli con un IC diretto verso Pisa - Genova fino a Orbetello, dove un autobus (linea 1) che fa capolinea proprio davanti alla stazione ferroviaria, preleva le persone che vogliono imbarcarsi per le isole a Porto S. Stefano. (info su www.ilgiglioinfo.it)

Da Porto S. Stefano due linee di traghetti (Toremar e Maregiglio) trasportano uomini e mezzi fino a Giglio Porto, in agosto solo con permesso di circolazione. Dalla fine di maggio ai primi di settembre è attivo anche un servizio di pullman che trasporta i turisti, nel solo fine settimana, direttamente da Roma a Porto S. Stefano.

Giardini Ravino

  • PDF

Giardino_panoramica_copiaRiunire in sé tante specie vegetali, presenti in tutto il mondo, in un unico luogo e permettere, a ricercatori e appassionati, di poterne apprezzare le caratteristiche senza dover andare da una parte all’altra della Terra. È questa la peculiarità dei Giardini Ravino, uno degli esempi maggiori di biodiversità nonché uno dei giardini botanici più famosi a livello europeo.

Ischia e Giglio Storie Parallele

  • PDF

La baia del Campese con la Torre Medicea (a destra). In mare (s.), il pilone superstite della teleferica e, a chiusura della baia, il Faraglione. Parte I

Due Isole nel Tirreno

Scopro per caso che un’amica di Forio d’Ischia dal cognome tipicamente foriano e ben consono all’Isola Verde, non è affatto nativa del luogo in cui risiede, ma dell’Isola del Giglio.

La spiegazione è molto semplice: suo padre Giuseppe Verde lavorava alle macchine di una nave che prelevava pirite dalla miniera del Campese per trasportarla a Piombino. Per questa ragione si era stabilito con la moglie a Giglio Porto. Questo avvenne dopo la riapertura, nel novembre 1945, della miniera che era stata chiusa due anni prima per le difficoltà causate dalla situazione bellica. Nel 1962, dopo vari tentativi di reperire filoni produttivi a sempre maggiori profondità, si pervenne alla chiusura definitiva.

Una notte sul Monte Epomeo

  • PDF

Epomeo“Se hai fegato aggiungiti alla compagnia e vieni ad attendere l’alba con noi a Santu Nicole”,la perentorietà di Franco Iacono non ammetteva tentennamenti, d’altro canto mi ero fatta la fama di uomo dalle emozioni forti e dalle imprese defatiganti per cui non me la potevo svignare adducendo un qualsiasi motivo ad impedimento. Ho subito precisato che non sarei salito a dorso di mulo perché l’unica volta che feci questa esperienza, molti anni fa, stetti per diversi giorni a gambe divaricate per dei lancinanti dolori ai muscoli dell’interno coscia.

“Non vi sono muli a sufficienza, siamo una trentina e forse più, il rendez-vous è al castagneto dopo La Quiete, ore venti” precisò Franco. E così ci siamo ritrovati puntuali e pronti alla… scalata dell’Epomeo. Non vi racconto come erano combinati gli esursionisti in fatto di equipaggiamento: si andava dai pantaloni alla zuava con scarponcini ed alpenstock alle tenute da caccia con pantaloni di velluto e giacchettoni, giubbini, pinocchietti, jeans, ke way, corpetti, cappellacci e cappellini… ed, invece, io e la mia consorte in abiti leggeri ma con una provvidenziale coperta ripiegata nel borsone.

Festa del Delfino... piccoli "sub" crescono

  • PDF

festa-del-delfino-ischiaI commenti raccolti tra gli studenti che hanno preso parte alla Festa del Delfino, al Parco Idrotermale del Negombo sabato 12 maggio, regalano un sorriso. Tra i più piccoli c'è Antonio che chiede di vedere un delfino mentre lecca il suo gelato, avvicinato da Leo, che ha avuto la fortuna di seguire questi simpatici mammiferi mentre guidavano un'imbarcazione a Cuba, Edvige e Giulia, che sono delle habituè del mare, confessano con nonchalance di averli avvistati dalla Scannella e facendo un giro in barca. Manuela, invece, è una voce fuori dal coro, non sta nella pelle, vorrebbe adottare un gattino dalla Lega per la Difesa del Cane, come ricorda Katia Massaro, che ha invitato a prendersi cura degli animali a quattro zampe.