Lunedì 26 Gennaio 2015

Ultima modifica:15:02:54 GMT

RSS

Font Size

Screen

Profile

Layout

Direction

Menu Style

Cpanel
Tu sei qui: Viaggi Trasporti

Trasporti

E’ da lunedì 12 che l’Alilauro nega le corse da e per Forio: è interruzione di Pubblico Servizio!

  • PDF

Porto di ForioLunedì 12 marzo 2012 : una pagina nera nei trasporti marittimi; una giornata da dimenticare, ma purtroppo non è l’unica e non coinvolge un solo vettore! L’Alilauro che blocca arbitrariamente le sue corse da per Forio ed  una Caremar duramente provata per avarie precedenti e per effetto di due eventi straordinari ( M/n Naiade costretta a navigare a velocità ridotta si ferma a Porta di Massa per lungo tempo per togliere una cima nell’elica e, successivamente, l’impatto dell’aliscafo San Pietro contro la banchina di Procida ), danno vita ad giornata per la mobilità marittima a dir poco snervante per chi aveva necessità di partire per impegni indifferibili sulle isole o sulla terraferma.

Una giornata come tante altre, anche se con diverse tipologie di eventi, che ha messo in evidenza, qualora fosse necessaria un conferma, tutti i limiti di una politica regionale che nonostante i deliberati prodotti e le promesse fatte non è stata ancora capace di dare al settore quella qualità e quelle certezze che la legge regionale 3/2002 pure aveva individuate e legiferate.

Rinviata a Venerdì 16 Marzo la riunione indetta dal Prefetto Andrea De Martino per discutere della problematica sollevata dagli armatori dell’ACAP riguardo l’abolizione dell’ esenzione dell’IVA per i rifornimenti dei carburanti

  • PDF

Il Prefetto di Napoli Andrea De Martino ha annunziato stamane che la riunione con i rappresentanti  dell’Associazione Cabotaggio Armatori Partenopei, l’Assessore Regionale ai Trasporti Sergio Vetrella ed i Sindaci delle isole del Golfo, prevista per oggi 15 Marzo,  è stata rinviata al 16 Marzo.

Interruzione Piazza Marina

  • PDF

Piazza MarinaSi informa la Gentile Clientela che, a seguito dell'Ordinanza n°4 del 02/03/2012 del Comune di Casamicciola Terme, "dal giorno 06/03/2012, per un periodo di tempo di 25 giorni e in ogni caso fino al termine dei lavori " viene istituito il "divieto di circolazione in tutta la zona di Piazza Marina, lato Ovest,

Il momento è difficile!

  • PDF

CapriCosì mi scrivono i pendolari di Capri: Gentile Sign. Nicola Lamonica la questione è più grave di quanto si veda dall'esterno. La ringrazio per la collaborazione e la gentilezza che la contraddistingue. La compagnia di navigazione ha comunicato alla clientela dei disservizi che si verificheranno la prossima settimana e di un eventuale abbandono del servizio qual'ora non si trovasse l'accordo con la regione Campania. In merito alla questione c'è una violazione dei diritti dei consumatori, dei lavoratori e della privacy (vedi i casi di Sorrento). Il problema non si limita più al regolare servizio degli aliscafi SNAV e LIBERA NAVIGAZIONE DEL GOLFO. Visto la crisi economica del nostro paese sarebbe il momento ideale per lo Stato ritrovare una posizione economicamente importante sul golfo di Napoli visto anche il sopraggiungere del periodo primaverile ed estivo che porterebbe grossi introiti, grazie all'eterno turismo mondiale di cui godono le isole del golfo.

Richiesta convocazione tavolo tecnico

  • PDF

Al Direttore dell’ACAM, Al Responsabile de Dipartimento Regionale per i Trasporti, Ai Sindaci del Golfo di Napoli, Alla Stampa 

Egr. Sigg., facendo seguito alle conclusioni dell’ultima seduta della Consulta per la Mobilità e non sottovalutando le dichiarazioni attraverso Stampa dell’ACAP per le prossime scadenze dell’8 marzo e successivamente di fine mese, mi pare che sia essenziale un incontro urgente per affrontare la tematica marittima sia in riferimento agli approvvigionamenti per le isole ed ai servizi minimi, sia per il rilascio dei titoli di viaggio compreso gli abbonamenti che oggi sono in forse e comunque nella piena discrezionalità degli armatori. Un incontro che possa far riflettere sulle incertezze di oggi e sulle prospettive future e porti ad una rivisitazione dell’attuale impianto della mobilità marittima.

Sospensione collegamenti marittimi

  • PDF

Comunicato ACAP

Le scriventi società, premesso  che per effetto della L. N. 217 del 15/12/2011 l'acquisto di carburanti e beni destinati alle navi adibite al servizio potrebbe essere soggetto ad IVA dal giorno 15/01/2012; che l'impostazione dell'IVA aumenterebbe i costi del servizio del 21%, che le scriventi hanno comunicato all'utenza e alle amministrazioni interessate con nota del 3 febbraio 2012 e che in assenza di un intervento interpretativo del Ministero dell'Economia atto a chiarire se l'Iva è dovuta o meno avrebbero sospeso le proprie attività garantendo solo i servizi essenziali nelle fasce orarie protette; che nonostante il fattivo interessamneto dell'Assessore Regionale al Trasporto che sta sollecitando il Governo ad una risoluzione del problema, al momento le compagnie si torvano nella condizione di dover ridurre/cessare l'attività per evitare di incorrere in sanzioni penali (evasione IVa) e nel disastro finanziario.

Avviso di sciopero

  • PDF

Per Sciopero Nazionale Proclamato Dalle Organizzazioni

Sindacali Filt Cgil – Fit-Cisl – Uiltrasporti E Faisa Cisal,

Strapotere regionale e danni per l'utenza marittima

  • PDF

comunicato-caremarMartedì 21 febbr. 2012- incontro di calcio Napoli-Chelsea:

la Caremar, su disposizione della Regione Campania, nega la corsa OSP delle 21.55 per Procida ed Ischia ed effettua una corsa straordinaria alle 24, a tariffa ordinaria. Inascoltata la protesta degli utenti presso la Capitaneria di Porto di Napoli che si difende mostrando una disposizione della Regione in tal senso.

Al Sig. .......................

p.c alla stampa

Come hai potuto notare, amico lettore, nella presente missiva manca l'indirizzo, ma non è una distrazione: è difficile trovare in un sistema marcio chi ha più responsabilità degli altri sugli eventi che accadono nel campo dei trasporti marittimo ed appigliarsi a lui per rinnovare il tutto!

I lavori della Consulta per la mobilità, il giorno dopo

  • PDF

E’ da un giorno, cari amici autmarini, che cerco di mettere su carta le conclusioni di un evento, quello della riunione della Consulta Regionale per la Mobilità, che non si ripeteva da oltre un anno nonostante i rigori del suo Regolamento sia per quanto riguarda le finalità (la Consulta quale “ strumento di raccordo tra le parti sociali e le istituzioni regionali “ e come “ sede di confronto, di scambio d’informazione e di analisi “); sia per la frequenza delle convocazioni che assumono carattere perentorio soprattutto alla vigilia di eventi speciali quali la programmazione tariffaria ed oraria e/o la scelta di un fatto così traumatico quale può essere la privatizzazione della Caremar in dispregio alla decisione del vecchio Consiglio Regionale che pure deliberava, sostenuta da pareri tecnici mai annullati, una struttura regionale al 51% pubblica con la gestione nelle mani dei privati società .

Ho trovato delle difficoltà per il presente comunicato poiché poco o niente di concreto è emerso dall’incontro: solo enfasi, dichiarazioni auto energizzanti per l’assessorato, vacue promesse per il futuro. Chi pensava, dopo tanto colpevole silenzio, ad un Assessore. Regionale al ramo remissivo, dialogante e meno orgoglio dei suoi “misfatti”, si è sbagliato di grosso dal momento che sicuro di sé in un monologo tutto pieno di vanagloria e di numeri ha cercato di addomesticare la platea facendoci capire che tutto procede bene nonostante i denunciati drammatici tagli nel settore ferroviario e le difficoltà di una società Caremar ormai moribonda - perché così vogliono - con due unità  ai lavori ( Achernar ed Isola di Capri  ferme in Cantiere che da oltre cinque mesi) e con un bilancio prive di risorse anche per fare nafta e sicuramente anche per pagare gli stipendi al suo personale. Tutto questo per l’Assessore è argomento di poca importanza se, come è avvenuto, con una baldanzosa ritirata ha preferito affrontare altri temi in altre sedi!

Ultimi Commenti