Martedì 30 Settembre 2014

Ultima modifica:09:39:52 GMT

Font Size

Screen

Profile

Layout

Direction

Menu Style

Cpanel
Tu sei qui: Viaggi Informazioni Turistiche Area Marina protetta Regno di Nettuno

Area Marina protetta Regno di Nettuno

  • PDF
Indice
Area Marina protetta Regno di Nettuno
Zona A
Zona B n.t.
Zona B
Zona C
Zona D
Tutte le pagine
cartina-amp-regno-nettuno-ischiaL'area Marina Protetta “Regno di Nettuno” è gestita dal Consorzio di Gestione appositamente costituito tra i sette comuni che governano le Isole di Ischia e di Procida. L’AMP è stata istituita di fatto con il Decreto Ministeriale del 27 dicembre 2007 ed il regolamento la rende effettiva dal 5 giugno 2008. La storia dell’istituzione parte, però dal 1991, quando il Regno di Nettuno fu identificato nella lista delle Aree Marine Protette di reperimento inserita nella legge 394 “legge quadro sulle Aree protette” e ripartì nel 1999, anno in cui fu affidato alla Stazione Zoologica Anton Dohrn, di Napoli, lo studio di fattibilità, che fu condotto e consegnato nel gennaio 2001 al Ministero dell’Ambiente. Da allora iniziò una lunga fase di istruttoria tecnica e di concertazione politica per mettere a punto la perimetrazione e la zonazione dell’area che si concluse appunto alla fine del 2007. L’organizzazione dell’Ente Gestore, e quindi dell’AMP è ancora provvisoria. La sede legale si trova presso l’amministrazione comunale di Forio, ma è in via di spostamento in appositi locali messi a disposizione dalla stessa Amministrazione presso il porto di Forio.

Il Regno di nettuno comprende il mare che circonda l’ Arcipelago Flegreo, formato dalle isole di Ischia, Procida e Vivara.
Le tre isole, che chiudono ad ovest il golfo di Napoli, fanno parte di un grande complesso vulcanico considerato tuttora attivo.
Segno della vitalità, di questa natura che congiunge acqua e fuoco sono le numerose fonti termali, sfruttate oggi in un’infinita serie di terme e splendidi giardini, che congiungono complessi di piscine a varie temperature a veri orti botanici e spiagge.
L’isola, con poche ma splendide spiagge, si presenta estremamente verde, ricca di scogliere a picco sul mare, calette e grotte marine.
La cultura locale si divide tra quella contadina, che produce ottimi ortaggi e splendidi vini, e quella marinara, dedicata soprattutto alla piccola pesca artigianale, con una flotta di un centinaio di imbarcazioni che riforniscono per tutto l’anno il mercato isolano di pesce pregiato.
La seconda isola per estensione dell’arcipelago flegreo è Procida.
Frutto di una antica esplosione si trova in un territorio di congiunzione tra la grande caldera vulcanica dei campi flegrei e quella dell’Isola d’Ischia.
Isola più aspra, nell’apparenza, caratterizzata dalle alte scogliere riflette nella sua struttura il carattere rude ma mediterraneo degli isolani e presenta a chi vi giunge un porto delizioso ed un’atmosfera colorata e solare che contrasta con la durezza della sua apparenza rocciosa.
Infatti addentrandosi nell’isola si scopre una realtà di giardini verdi e gialli di profumatissimi limoni, che danno una nota assolutamente speciale alla gastronomia isolana.
L’isola è più chiusa alle novità della vicina Ischia, ma salvaguarda il patrimonio di ville e giardini originali, conservando quasi intatto lo splendido borgo marinaro della Corricella.
La più piccola delle isole è Vivara.
Disabitata da lungo tempo è una Riserva Naturale dello Stato di grande importanza per l’ambiente europeo.
Inserita nella catena di piccole isole che comprende Ischia, Procida, Ventotene, Palmarola e Ponza, Vivara è uno strumento fondamentale per l’alimentazione e la sopravvivenza di milioni di piccoli migratori che non arriverebbero mai ai loro luoghi di riproduzione se trovassero un ambiente antropizzato ed ostile.
Il mare del Regno di Nettuno unisce e divide queste realtà, creando un unicum inconfondibile tra i più affascinanti del Mediterraneo.

La ricchezza del mare dell’AMP “Regno di Nettuno” si intuisce osservando la perimetrazione dell’area su di una mappa.
La prima cosa che colpisce ed incuriosisce è uno “strano” prolungamento verso nord, di due miglia di larghezza, che si stende verso la località di Cuma, in terraferma per una lunghezza di otto miglia.
Quella stranezza, che corrisponde al cosiddetto Canyon di Cuma, rende il Regno di Nettuno un’area unica nel Mediterraneo.
In realtà il prolungamento estende la protezione dell’AMP all’incredibile ricchezza in cetacei (delfini, balene, capodogli..) di questo tratto del Mediterraneo.
L’altra emergenza che viene racchiusa dai confini dell’AMP è una straordinaria prateria di Posidonia oceanica, che circonda per decine di chilometri quadrati le isole, con particolare riguardo ad Ischia.
Il Regno di Nettuno deve la sua incredibile ricchezza anche alla sua particolare posizione su di un confine importantissimo, che divide l’area nord del mediterraneo da quella sud.
Si tratta di un confine climatico, che fa si che l’arcipelago flegreo si trovi all’estremo nord dell’area di espansione delle specie che colonizzano il mediterraneo meridionale ed all’estremo sud dell’area di espansione delle specie che preferiscono climi più freddi.
Il risultato è la contemporanea presenza di tutte le specie presenti nel Mediterraneo, caratteristica che convinse Anton Dohrn, studioso tedesco amico di Charles Darwin a stabilire tra Napoli ed Ischia i suoi studi ed a costruire il primo istituto di biologia marina al mondo, nel 1872, tuttora uno dei più prestigiosi.
I fondali ed il mare dell’AMP “Regno di Nettuno” comprendono una assoluta varietà di ambienti, comprendendo aree di coralligeno, con incredibili formazioni di alghe rosse, madrepore e coralli.
Caratteristico di Ischia è il falso corallo nero “Gerardia savalia” presente lungo il costone della torre di S. Angelo, numerose sono anche le grotte.
Le acque del Regno sono frequentate da tutte le specie ittiche tipiche degli ambienti rocciosi mediterranei, ma anche al centro di flussi migratori di totani e calamari e di tutte le specie del pesce azzurro e dei piccoli tunnidi.
L’area ad ovest, verso l’Isola di Ventotene e l’area a Nord sono le zone mediterranee che presentano la più alta densità di mammiferi marini, con la contemporanea presenza di tutte le specie che vivono in questo mare. La loro densità è tale da portare ad una regolamentazione tale da limitare i frequenti ferimenti di balene, capodogli e delfini da parte delle navi e dei motoscafi che transitano ad alta velocità.
Il Canyon di Cuma, in particolare ospita la più importante famiglia presente nel mediterraneo di Delfino Comune, che, a dispetto del nome, è, oggi a rischio ed inserita nella lista rossa delle specie in via di estinzione.

Di seguito alcuni documenti utili per muoversi all'interno dell'area marina

attivita_permesse-regno-nettuno-ischia-small

Attività Consentite nell'amp Regno di Nettuno

Nell’Area Marina Protetta vi sono quattro zone dove è proibito entrare, le due zone A di riserva integrale e le due zone B.n.t. dedicate esclusivamente all’immersione subacquea sportiva. Per le altre zone, B, C e D esistono regolamentazioni particolari per la nautica, la pesca e le attività acquatiche. Tutte queste attività sono regolamentate, e per praticarle è necessaria una autorizzazione. Le autorizzazioni possono essere settimanali, mensili od annuali, e per averle è necessario rivolgersi all’Ente Gestore, telefonicamente od attraverso posta elettronica.

Mappa Interattiva dell'Amp Regno di Nettuno

CONSORZIO DI GESTIONE DELL’AREA MARINA PROTETTA REGNO DI NETTUNO C/O COMUNE DI FORIO D’ISCHIA P.ZZA MUNICIPIO N.9 tel-fax +39 0813332941 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   http://www.nettunoamp.org
Per maggiori informazioni

rossoZONA A In questa aera non sono permesse attività zona-a-small
zona-bnt-vivara-small
marroneZONA B n.t.
Residenti
Attività consentite:
  • balneazione
  • navigazione a remi
  • navigazione a vela
Chiedere autorizzazione:
  • immersioni senza guida
  • immersioni guidate

Non Residenti
Attività consentite:
  • balneazione
  • navigazione a remi
  • navigazione a vela
Autorizzazione condizionata:
  • immersioni guidate
zona-bnt-santangelo-small

zona-b-small
giallo
ZONA B
Residenti
Attività consentite:
  • balneazione
  • navigazione a remi
  • navigazione a motore dei natanti
  • navigazione a motore entro i 5 nodi
  • ancoraggio dal 1 Ottobre al 31 maggio
  • immersioni senza guida
  • navigazione natanti da noleggio
Chiedere autorizzazione:
  • ancoraggio dal 1 giugno al 30 settembre
  • ormeggio
  • pesca sportiva dalla superfice con la lenza
  • pesca professionale con attrezzi da posta
  • pescaturismo
  • immersioni guidate
  • visite guidate di superfice
Autorizzazione condizionata:
  • navigazione a vela
  • navigazione con moto d'acqua
  • navigazione a motore delle imbarcazioni

Non Residenti
Attività consentite:
  • balneazione
  • navigazione a remi
  • navigazione a motore dei natanti
  • navigazione a motore entro i 5 nodi
  • immersioni senza guida
  • navigazione natanti da noleggio
Chiedere autorizzazione:
  • ormeggio
  • pesca professionale con attrezzi da posta
Autorizzazione condizionata:
  • navigazione a vela
  • navigazione con moto d'acqua
  • navigazione a motore delle imbarcazioni
  • pescaturismo
  • immersioni senza guida
  • immersioni guidate
  • navigazione natanti da noleggio
  • visite guidate di superfice

zona-b-small
bluZONA C
Residenti
Attività consentite:
  • balneazione
  • navigazione a remi
  • navigazione a vela
  • navigazione a motore dei natanti
  • navigazione a motore delle imbarcazioni
  • navigazione a motore delle navi da diporto
  • navigazione a motore entro i 5 nodi
  • immersione senza guida
  • navigazione natanti da noleggio
Chiedere autorizzazione:
  • ancoraggio dal 1 giugno al 30 settembre
  • ancoraggio dal 1 ottobre al 31 maggio
  • ormeggio
  • pesca sportiva dalla superfice con la lenza
  • pesca professionale con attrezzi da posta
  • pescaturismo
  • immersioni guidate
  • visite guidate di superfice
Autorizzazione condizionata:
  • navigazione a motore in assetto planante
  • navigazione a motore oltre i 10 nodi

Non Residenti
Attività consentite:
  • balneazione
  • navigazione a remi
  • navigazione a vela
  • navigazione a motore dei natanti
  • navigazione a motore delle imbarcazioni
  • navigazione a motore entro i 5 nodi
Chiedere autorizzazione:
  • ancoraggio dal 1 ottobre al 31 maggio
  • ormeggio
  • pesca sportiva dalla superfice con la lenza
  • pesca professionale con attrezzi da posta
  • immersioni senza guida
Autorizzazione condizionata:
  • navigazione con moto d'acqua
  • navigazione a motore delle navi da diporto
  • navigazione a motore in assetto planante
  • navigazione a motore oltre 10 nodi
  • pescaturismo
  • immersioni guidate
  • navigazione natanti da noleggio
  • visite guidate di superfice

zona-d-small
verdeZONA D
Residenti
Attività consentite:
  • balneazione
  • navigazione a remi
  • navigazione a vela
  • navigazione a motore dei natanti
  • navigazione a motore delle imbarcazioni
  • navigazione a motore entro i 5 nodi
  • ancoraggio dal 1 giugno al 30 settembre
  • ancoraggio dal 1 ottobre al 31 maggio
  • immersione senza guida
  • navigazione natanti da noleggio
Chiedere autorizzazione:
  • pesca sportiva dalla superfice con la lenza
  • pesca professionale con attrezzi da posta
  • pesca a strascico
  • pescaturismo
  • immersioni guidate
  • visite guidate di superfice
Autorizzazione condizionata:
  • navigazione a motore delle navi da diporto

Non Residenti
Attività consentite:
  • balneazione
  • navigazione a remi
  • navigazione a vela
  • navigazione a motore dei natanti
  • navigazione a motore delle imbarcazioni
  • navigazione a motore entro i 5 nodi
  • ancoraggio dal 1 giugno al 30 settembre
  • ancoraggio dal 1 ottobre al 31 maggio
Chiedere autorizzazione:
  • pesca sportiva dalla superfice con la lenza
  • pesca professionale con attrezzi da posta
  • pesca a strascico
  • immersioni senza guida
Autorizzazione condizionata:
  • navigazione a motore delle navi da diporto
  • pescaturismo
  • immersioni guidate
  • navigazione natanti da noleggio
  • visite guidate di superfice