Ischia News ed Eventi - Ischia, L’Isola di Alfred o il Mondo in un’Isola

Ischia, L’Isola di Alfred o il Mondo in un’Isola

Editoriale
Typography

Ripartire dalla comunicazione del grande vulcalogo Rittmann del 1969: Ischia è un’isola vulcanica di straordinaria particolarietà e forse questa natura geologica la candidata a “Patrimonio dell’Umanità” dell’UNESCO

– La storia sismica dell’isola d’Ischia conferma che è UNITA per “Legge Geografica” – Fu felice la scelta di “ricostruire” Casamicciola nel 1884 con il Piano Regolatore Generale dell’ing. Lo Gatto perché 2/3 del Paese è salvo – La scala Mercalli-Cancani-Sieberg dimostra che è stato un terremoto dallo VIII grado nell’epicentro e sparso a scalare dal VII al III in tutta l'isola d’Ischia – il regolamento edilizio del 1884 – l’esempio di oggi per il Rinascimento - “Ischia è certamente, per i vulcanologi, un paradiso perché vi si vedono certe cose che in nessun’altra parte della Terra ho potuto vedere (e ho girato molto, e qui ci sono delle cose sbalorditive”.

Alfred Rittman Dalla comunicazione presentata nell’adunanza del 26 agosto 1969 al Centro Studi su l’isola d’Ischia su “Origine ed evoluzione geo-vulcanologica dell’isola d'Ischia” in “Ricerche, Contributi e Memorie”-atti relativi al periodo 1944-1970 a cura del Presidente prof. Cristofaro Mennella, dalla pagina 715 alla 723, con presentata di Mennella e consegna a Rittmann di una Medaglia d’oro” in segno di riconoscenza per le brillanti ricerche compiute intorno all’isola d'Ischia” dal Presidente dell’Ente per la Valorizzazione dell’isola d’Ischia (EVI), avv. Giovanni Di Meglio. “Il bacino magmatico sottostante all’isola d’Ischia è capace di produrre nuove eruzioni del tipo osservato nel 1301 ed è pertanto assolutamente necessario sorvegliare con continuità l'attività sismica e bradisismica dell’isola valutando collateralmente la possibilità di fenomeni concomitanti quali frane, scoscendimenti, terremoti, etc.”.

Alfred Rittmann in “Vulcani attivi dell’area napoletana” convegno organizzato a Napoli dall’Amministrazione Provinciale di Napoli – 1977 - Quella del 26 agosto a Casamicciola con il prof. Giuseppe Luongo è stata la più importante conferenza stampa organizzata nella mia vita professionale. Tutto organizzato in 30 minuti alle 22 del giorno prima. Una visita ai luoghi prima della conferenza che abbiamo dovuto faticare a fare. Un tavolo del conduttore pieno di libri e tutti del prof. Luongo e del suo gruppo che ho seguito e curate le presentazioni per almeno 30 anni. L'intuito di avere immediatamente diffuso il primo post del prof.Luongo e l'invito immediato ai giornali e la telefonata affinchè venisse ad Ischia nel più breve tempo possibile. Una prova di Grande Amicizia e di Amore di Luongo per l'isola d'Ischia ed in particolare Casamicciola. Una prova del disastro delle nostre Istituzioni nazionali e locali. Ma anche di una straordinaria mobilitazione di una "vera" Società Civile e di una "vera" Stampa.

Ci sarà tempo per le polemiche. Saranno dure e severe. Oggi Casamicciola ed i suoi abitanti devono sopravvivere ed i propri cittadini si trovano a vivere il momento più difficile delle loro vite dopo 134 anni dal 1883.

Grazie di Cuore a nome dei Cittadini di Casamicciola e dell'isola d'Ischia al prof. Giuseppe Luongo. g.m. Capri è l’“isola di Axel”, da Axel Munthe che con la sua “Storia di San Michele” all’inizio del ‘900 creò il mito dell’“isola azzurra; Procida è “l’isola di Elsa”, da Elsa Morante che con il suo romanzo “L’isola di Arturo” fece conoscere “le straducce solitarie chiuse fra muri antichi oltre i quali si stendono frutteti e vigneti che sembrano giardini imperiali”.

Ischia – la più grande delle isole partenopee dalla storia millenaria – con una enormità di poeti, scrittori, naturalisti, musicisti ed intellettuali che hanno parlato di lei descrivendo le loro emozioni vivendo qui in questo angolo di Paradiso dovrà dal 21 agosto 2017 chiamarsi “l’isola di Alfred” o “il mondo in un’isola”.

Alfred è Alfred Rittmann, il più grande vulcanologo del XX secolo, che considerò Ischia la “sua prediletta” per la sua eccezionale importanza e particolarità. Wikipedia dice che nacque a Basilea il 23 marzo 1893 ed è morto a Piazza Armerina il 19 settembre 1980 e dice che “è stato un vulcanologo svizzero, fondatore della vulcanologia moderna in Europa.

Dopo la laurea presso l'Università di Ginevra decide di mettersi in viaggio per visitare le scuole mineralogiche e petrografiche più famose del mondo, approdando nel 1926 all'Istituto di mineralogia di Napoli dove consacrerà le proprie ricerche sul Vesuvio e sul vulcanismo dell'area napoletana, occupandosi prevalentemente di Ischia. Attraverso le sue ricerche Rittman mette il luce le relazioni esistenti tra l'evoluzione magmatica, la tettonica e l'attività vulcanica.

Nel 1936 dà alle stampe la prima edizione de Vulkane und ihre Tätigkeit (I vulcani e la loro attività), il primo trattato di vulcanologia moderna. Viene nominato direttore dell'Istituto di vulcanologia dell'Università degli Studi di Catania e successivamente dell'Istituto internazionale di vulcanologia, fondato dal CNR e dall'UNESCO. Nel 1954 ricopre anche la carica di presidente dell'Associazione internazionale di vulcanologia e di chimica dell'interno della terra (IAVCEI) per tre mandati consecutivi. Nel 1987 un minerale appartenente al gruppo dei leuciti è stato denominato rittmanite[1], in onore dello studioso svizzero.

La rittmanite è un minerale tipico delle roccemagmatiche di colore giallo chiaro”. Rittmann venne ad Ischia la prima volta nel 1928 ed aveva 35 anni. La girò in lungo ed in largo e nel 1930 scrive e pubblica in tedesco la sua “Geologia dell’isola d’Ischia” che diventerà un testo-sacro per tutti i successivi studiosi di vulcanologia. Veniva ad Ischia ogni anno accompagnato dalla sua assistente Violetta Gottini e dal fotografo ischitano Gaetano Di Scala.

La seconda edizione riveduta ed ampliata della sua “geologia dell’isola d’Ischia” esce postuma a cura della sua assistente Violetta Gottini nel 1983 e viene presentata alla Biblioteca Antoniana dal Centro Studi su l’Isola d’Ischia, il glorioso sodalizio di intellettuali fondato nel 1944 e che aveva anche ascoltato una “comunicazione “di Rittmann il 26 agosto 1969 invitato dal Presidente, prof. Cristofaro Mennella, climatologo, di Casamicciola che era “direttore onorario” dell’Osservatorio Geofisico di Casamicciola, di fatto chiuso dal 1928 e per la cui riapertura, ampliando il campo della ricerca, si batteva Mennella dal 1944 nell’indifferenza generale. Il prof.Mennella muore nel 1976 lasciando le sue venti comunicazioni al Centro Studi contenuti nel primo volume degli “Atti”.

Non vede realizzato il suo progetto. Quella “comunicazione” di Rittmann di 8 pagine fatta a “braccio” è stata dimenticata per 48 anni ma dal 21 agosto 2017 è il punto di partenza per la diffusione della conoscenza dell’intera isola d’Ischia non solo per la terra emersa ma per quanto abbiamo sotto di noi. La sicurezza dei 63mila abitanti dell’isola e di migliaia di turisti di ogni parte del mondo, la stessa “nuova promozione turistica”, devono partire da quella comunicazione e dalle sue conclusioni: Ischia è un’isola vulcanica di straordinaria particolarietà e forse questa natura geologica la candida a “Patrimonio dell’Umanità” dell’UNESCO.

Francamente ritengo di pessimo gusto l’iniziativa del sindaco della Città d’Ischia, Enzo Ferrandino, di dare le “chiavi della città” ad un musicista di fama in prevista esibizione nell’isola quasi per affermare che “lo spettacolo deve andare avanti” quando proprio una sua concittadina è innocente vittima di una catastrofe. E’ prova di “sopravvivenza economica” non di “solidarietà” laica o cristiana. Rittmann inizia quella comunicazione ricordando che ebbe “l’incarico dall’Istituto di Vulcanologia diretto dal dott. Friedlaender (un altro svizzero della “colonia” napoletana descritta da Elio Varriale nel suo lavoro” Gli svizzeri a Napoli” n.d.r.) di studiare Ischia.

Accettai con grande piacere perché NON C’E’ LUOGO PIU’ CARO DI QUEST’ISOLA: tutto qui”. Parla dell’Epomeo e dei suoi “vulcani”, dei suoi 1600 campioni di rocce, della sua carta geologica-petrografica, trova analogie della natura di Ischia con la Nuova Zelanda, che ha studiato, dall’altro capo del mondo, del bacino magmatico che sta sotto di noi e dice infine che Ischia per i “vulcanologi è un paradiso perché si vedono certe cose che in nessun’altra parte della Terra ho potuto vedere”. Nello stesso tempo un letterato, prof. Edoardo Malagoli, diceva che Ischia è unita per “legge geografica”.

Studiare queste “cose” è stata anche l’impegno e la passione di una vita di Giuseppe Luongo. Il prof. Giuseppe Luongo sì è sempre considerato un allievo di Rittmann. Ha oggi 79 anni. La sua produzione scientifica è enorme. Può essere considerato uno dei più grandi vulcanologi al mondo. Anche per lui Ischia è la sua “prediletta” come Rittmann nelle ricerche per la sua particolarità.

Nel 1985 con l’assessore provinciale Francesco Casa è il protagonista della posa di una stele ad Alfred Rittmann “Maestro Generoso” nei giardini di Piazza Marina a Casamicciola posta nel 2000, per mia iniziativa, nel “giardino storico” dell’Osservatorio Geofisico “recuperato” ed inserito nel Museo Civico di Casamicciola. Nel 1995 tiene il discorso commemorativo a 20 anni dalla morte del prof. Cristofaro Mennella per la messa in posa del busto del Mennella per iniziativa dello scrittore, pubblicista, storico Gino Barbieri alla cui manifestazione ho direttamente partecipato.. Il grande merito di Luongo è aver introdotto nella sua materia l’interdisciplina.

La sua Conoscenza di una materia così complessa non è isolata. Associa nei suoi lavori gli esperti di altre discipline. La monumentale monografia del Servizio Sismico Nazionale “il terremoto del 28 luglio 1883 a Casamicciola nell’isola d’Ischia” del 1999 di 333 pagine ha 11 autori e Luongo è il responsabile del “Coordinamento Scientifico” ed una Bibliografia enorme. E’ un testo fondamentale che avrebbe esserci, studiato e consultato in ogni Ufficio Tecnico Edilizio di ogni Comune dell’isola. Avrebbe dovuto essere studiato come “prova di alfabetismo” per ogni amministratore comunale isolano. Infatti la premesse è che tutta l’isola di “Ischia” è area vulcanica.

La storia sismica dal 1228, XIII secolo, lo dimostra. Sarebbe bastato che ogni Municipalità ogni Scuola di ogni ordine e grado, avesse in Biblioteca per lo studio e la diffusione il libro del prof. Giuseppe Luongo e dei suoi collaboratori Elena Cubellis e Francesco Obrizzo “Ischia, storia di un’isola vulcanica” – 1987 – editore Liquori – per sapere la storia essenziale della nostra isola vulcanica. Un libretto di 164 pagine. Al convegno sui 100 anni dal terremoto di Casamicciola svoltosi dal 30 settembre al 2 ottobre 1983 Luongo disse le stesse cose che ha detto 34 anni dopo.

Haurum Tazieff, il Ministro della Protezione Civile di Francia, affermò che “i terremoti non si possono prevedere ma le altre catostrafi come alluvioni o temporali sì e l’unica strada è la prevenzione, la buona costruzione degli edifici, la conoscenza del territorio”. Il “libretto” riporta anche 5 appendici: la prima quella della scala Mercalli-Cancani-Sieberg per la determinazione dei rispettivi gradi d’intensità sismica.

Se ne ricava che quello del 21 agosto è stato dell’ottavo grado nell’area epicentrale ma scende a sei e cinque fino alla Marina di Casamicciola ma è di almeno del terzo grado per la Città d’Ischia, Barano, Serrara-Fontana e la gran parte di Forio di Forio. La seconda appendice è la tabella riassuntiva della storia sismica per eventi di maggiore intensità. Inizia nel 1228 e finisce nel 1883. 12 terremoti di cui 10 a Casamicciola nello stesso epicentro. La terza appendice è il regolamento edilizio approvato nel 1884 per i Comuni di Casamicciola, Lacco Ameno, Forio, Serrara Fontana e Barano, in vigore fino al 1891. La quarta appendice è la legge della Regione Campania per la tutela e la difesa del territorio del rischio vulcanico.

La quinta l’ordinanza del sindaco di Pozzuoli, Gennaro Postiglione, sul bradisismo “negativo” allora in atto perché Pozzuoli “saliva”. Quasi a confermare l’unità problematica delle tre aree vulcaniche del napoletano: Vesuvio, Campi Flegrei ed Ischia. Già da questo “libretto” emerge che il Piano Regolatore Generale di Casamicciola del 1884 approvato dal Ministro dei Lavori Pubblici, Francesco Genala, redatto dall’ing. Lo Gatto fu una scelta FELICE. Che non si può parlare di “Ricostruzione Mancata” ma di “Riconostruzione Incompiuta” perché Casamicciola fu ABBANDONATA dallo Stato!!!!

Dalle conoscenze della Scienza e della Storia bisogna ripartire. Dicendo tutta la Verità perché tacere non vuol dire aiutare. Apriremo un lungo dibattito perché soltanto la dialettica è garanzia di approssimazione alla Verità per un “Rinascimento”. Ma oggi pensiamo ai circa 3mila sfollati, alla messa in sicurezza di 2/3 di Casamicciola e di 1/3 di Lacco Ameno e qualche casa a Forio, alla “tragedia nella tragedia” del collasso di un sistema economico impostato sul turismo. Ma dobbiamo trovare in noi stessi la Forza di affrontare l’Avversità. La più grande mai affrontata nelle nostre vite. Qui si misura la nostra Forza. E’ vero ciò che dice il poeta: “Non temere avversità. Ricordati che l’aquilone si alza contro vento e non con il favore del vento”.

Il nostro sito Web utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito e accettando le condizioni della presente informativa, si acconsente all'utilizzo dei cookie in conformità ai termini e alle condizioni dell’informativa stessa.